Alberobello Light Festival 2016 – Visions

Dal 23 al 31 luglio 2016 i trulli torneranno a illuminarsi per la prima edizione internazionale dell’Alberobello Light Festival.

Torna, dopo il successo delle edizioni precedenti, la versione estiva del Festival delle Luci che avrà come tema le “visioni” che gli artisti hanno sulla luce e sull’arte della luce, e le loro interpretazioni, che si snoderanno in un percorso suggestivo che toccherà i luoghi più caratteristici del paese…

Continua a leggere

Direzione Artistica

logo-lightcones

Direzione Organizzativa

logo-agit

Official Partner

logo-natuzzi

Partner Istituzionale

logo-comune-alberobello

Sei pronto a pubblicare il tuo primo post?

“Green Marvelous Opulence” (Verde meravigliosa opulenza) è la seconda installazione che Maro Avrabou e Dimitri Xenakis porteranno all’Alberobello Light Festival dal 23 al 31 luglio 2016.

Buste di plastica piegate per farle rassomigliare a cavoli o insalata rappresentano un seguito del loro lavoro sul riciclo degli oggetti quotidiani.

Dicono dell'opera: “Non v’è alcun dubbio che il progresso della scienza abbia risolto i problemi maggiori e portato l’umanità a un reale benessere ma il desiderio di un flusso di produzione continuo, il sogno di una opulenza permanente, non lasciano trasparire il pericolo di trasformare gli organismi in prodotti seriali standardizzati?”

#AlberobelloLF
#GreenMarvelousOpulence
... See MoreSee Less

View on Facebook

L’installazione luminosa che Maro Avabrou e Dimitri Xenakis esporranno all’Alberobello Light Festival si chiama “Guardian Angels” (Angeli custodi).

Protettori e guardiani della vegetazione, bianchi come angeli, gli annaffiatoi volano sull’erba.
Di notte, come se levitassero, si accendono, si riempiono di colori e regalano acqua agli alberi. Piccoli cavi di fibra ottica simulano lo scorrere dell’acqua.
L’installazione fa eco al concetto di conservazione del giardino e delle piante, e, per estensione, anche della natura. Mette in evidenza il ruolo degli umani ed è un tributo indiretto ai giardinieri e alla natura creata artificialmente.
Il lavoro evidenzia che la crescita delle piante e degli alberi è possibile solo grazie alla luce (del sole), all’acqua e alla terra. E attraverso i prismi di elementi scultorei e di accessori giocosi, rappresentazione dei nostri pensieri e del nostro rapporto con la natura, questo progetto vuole farsi sintesi della vita.
Inaspettati e sorpendenti, questi angeli custodi, queste lanterne che annaffiano, fermano e sfidano i passanti. Regalano un sorriso e incoraggiano a una contemplazione interna al paesaggio. Rappresentano anche un gesto di protezione verso il nostro ambiente.

Questa installazione è stata presentata nel corso di vari eventi in Francia, Israele, Portogallo, UK, Singapore, Slovenia, Cina, Olanda.

#AlberobelloLF
#Angelicustodi
... See MoreSee Less

View on Facebook

Oggi vi presentiamo altri due artisti che saranno presenti all'Alberobello Light Festival, dal 23 al 31 luglio, con due differenti installazioni.

Maro Avrabou, visual artist e light designer, lavora sia nel campo delle arti visuali sia in quello del teatro, della danza e dell’Opera.
Dimitri Xenaxis, visual artist, lavora nel e con il paesaggio rinnovando costantemente il suo linguaggio artistico per interagire con l’ambiente.
Entrambi vivono in Francia e lavorano in Europa, Asia e Sud America.

Insieme collaborano in opere co-firmate che mettono in discussione gli spazi abitati, i punti di vista, le forme e la luce. Lavorano su tutti i tipi di progetti che hanno a che fare con il paesaggio, il costruito, gli accessori urbani e la luce. Le loro installazioni spesso maestose sono un dialogo con i luoghi, la loro morfologia, la loro storia, la loro identità. Elementi importanti di questo approccio sono l’aspetto sociale e ambientale e la dimensione umana.
Basandosi su questo, Maro Avrabou e Dimitri Xenakis lavorano per creare il collegamento tra ciò che esiste e l’azione artistica.

Nel prossimo post vi sveleremo le loro opere... stay tuned 😉!

#AlberobelloLF
#MaroAvrabou
#DimitriXenakis
... See MoreSee Less

View on Facebook